Cappadocia: tradizioni e natura

          RACCOLTA DI FRASI CAPPADOCIANE

A  DAI’ A RACCOLLE  I  PANNI CHE MO PIOVE

DEBBO ANDARE A RACCOGLIERE  I  PANNI

‘ NCIMA ALLO  COTTO , L’ ACQUA BOLLITA

SOPRA UNA SCOTTATURA, NON SI PUO’ VERSARE  L’ ACQUA  BOLLENTE

A   MOMINTI   COLLIVI   QUIO   ‘NCAPO

PER   POCO  NON   LO   COLPIVI   IN   TESTA

A CASITA JO FOCO ANCORA  STA  ABBELATO

A CASA TUA IL FUOCO  E’ ANCORA  SPENTO

A D’ IVIDA   INE  PROPITA   LOCO

DOVEVI   ANDARE   PROPRIO  LA’

A D’ IVIDA VEDE’ QUELO  CHE  E’  SUCCESO

DOVEVI VEDERE QUELLO CHE  E’ SUCCESSO

A LETTO A LETTO CHE JO SONNO AGGUAJA, E CHI NON TIENE JO LETTO SE NE VA ALLA PAJA”…!!!!!! A LETTO A LETTO CHE IL SONNO ARRIVA...MA CHI NON HA IL LETTO VA A DORMIRE SULLA PAGLIA

A MI ME PARE CHE TE  ST’ AMPICRISCE

MI SEMBRA CHE STAI DIVENTANDO PIGRO

A MI MESA’ CHE TU  LA TE  NERA  ?

MI SBAGLIO  O TI  STA  VENENDO FAME  ?

A NA RECCHIA C ENTRA  E A UNA  CI RESCE

UNO CHE NON ASCOLTA MAI I CONSIGLI

A TI  TE  FETA  PURE  LA  JATTA

A  TE FANNO LE UOVA PURE  E  I  GATTI

A VALAFREDDA NON S’AMMASSA  PANE S’AMMASSA LA PULENNA A BATTAGLIONE

A VALLEFREDDA NON SI FA IL PANE,SI FA LA POLENTA PER UN BATTAGLIONE

ACQUA  E  FOCO  DIO  CI  DIA  LOGO

ACQUA  E  FUOCO,  DIO  CI  DIA  AIUTO

ADDIMANNACILLO PO’, VIDI CHE TE DICE

DOMANDAGLIELO UN PO’ VEDI CHE DI DICE

ADDU’  ADIMOTA  PASSA’ PE I LOCO A BALLE

DOVE DOBBIAMO PASSARE PER ANDARE  LA’

ADDU’  SI ITO  COSCI’   REMUTATO

DOVE SEI STATO TUTTO  VESTITO  BENE

AIUTATE POETA FINO A PASQUA, CHE’ DOPPO PASQUA OGNI POETA BUSCA E OGNI MORTODEFAME SENNE CASCA

POETA VEDI DI ARRIVARE FINO A PASQUA PERCHE’ DOPO,TUTTI TROVERANNOQUALCOSA DA FARE  E NON MORIRANNO  PIU’ DI FAME 

APPEZZUCA STO  PASSONE

FAI LA PUNTA A QUESTO PALO

APPICCA SO CALLARO A JO FOCO

APPENDI  IL CALDAIO  SUL FUOCO

AREVO’TA  LA PIZZA   CH’ E’   COTTA

DARE UNA VERSIONE DIVERSA  DEI  FATTI

ATTENTO,  TATI’SSITA   PERDE

ATTENTO TI  DOVESSI  PERDERE  

ATTIZZA  PO  SO  FOCO, CHE SE  RAMMORE

STAI  ATTENTO AL FUOCO  CHE  SI  SPEGNE

BOCIA  MAO  FATTO  E  BOCIA TE REFACCIO

BUGGIA MI HANNO DETTO E BUGGIA TI RIDICO

CALEMMO PE QUIO SPREFUNNO

SIAMO SCESI PER QUEL DIRRUPO

CALI’MO ABBALLE VEDIMO SE CISTA’CAETUNO

SCENDIAMO GIU’ VEDIAMO SE C’E QUALCUNO

CARNEVALE PERCHE’ TE SI MORTO, TE  SI MAGNATO JO PETE E JO PORCO E SE TU ON TE JO MAGNIVI, CARNEVALE  ON TE’ MORIVI

CARNEVALE PERCHE’ SEI MORTO,HAI MANGIATO IL PIEDE DEL PORCO,SE TU NON LO MANGIAVI CARNEVALE NON MORIVI

CERTO  CHE A TI  CHI  TESSEPO’   NCOLLA’

CERTO E’ DIFFICILE TROVAR MARITO  PER TE

CHE  BEJO   PIPONE  CHE   SINE

CHE ARTISTA CHE SEI ,  IN SENSO IRONICO

CHE  BELLA CASSIA  CHE  TENE

CHE BELLA GOBBA , SCHIENA, CHE HAI

CHE  FIORI  CHE  MENA  MAGGIO

SI  RIFERISCE A PERSONE  MOLTO  BRUTTE

CHE BEJO PELLACCHIO CHE SINE

CHE BEL  POLLASTRO CHE SEI

CHE ME RABBERTA QUESSO CHE STAFFA’

COSA VUOI FARMI CREDERE  CON QUESTO

CHE MUCCO DE PORCO CHE  TENE

HAI   IL  MUSO   COME   UN   MAIALE 

CHE SI DE ECCO , NO SO DE LOCO

CHE SEI DI QUI ,  NO  SONO  DI  COLA’

CHE SI VISTO SE AO  REVENUTI   QUISSI  ?

CHE HAI VISTO SE SONO TORNATI COSTORO

CHE TE VENUTA LA TACCA

NON FAI ALTRO CHE BERE

CHE VOCCA  DE FREGNA  CHE  TE

SEI UNO CHE  PARLA TROPPO

CHE VOCCA DE CIARAFELLA CHE TE

UNO CHE NON SA TENERE UN SEGRETO

CHI  CAGNA LA VIA VECCHIA  PE  LA NOVA QUANTI MALANNI  VO’ TANTI NE TROVA

CHI  CONOSCE UNA  STRADA E NE VUOL PROVARE UNA NUOVA, TROVA SOLO UN SACCO DI  GUAI

CHI  FA’  JO  FASCIO  SE JO  NCOLLA

TUTTO  QUELLO CHE FAI, TI PORTI  DIETRO

CHI  NON  LA  PO  VENCE  LA  MBATTA

CHI NON PUO’ VINCERE  PAREGGIA

CHI ON TE’  LA CASA SELLA TROVA

QUAND’ E’  BRUTTO  TEMPO  TROVA   CASA

CHI PECORA SE FA’ JO  IUPE  SELLA  MAGNA

CHI  E’ TROPPO   BUONO  SUBISCE  SEMPRE

CHI S’ ADDORME  CO  JI  VARZITTI    SE RETROVA   NCACAZZATO

CHI  DORME CON I RAGAZZINI SICURAMENTE  AL MATTINO SI TROVA SPORCO DI MERDA

CHI TELL’E’ COMMANNATO

CHI TI HA  DATO   ORDINE

CHI VAPPRESSO ALL’AQUILA VOLANTE,

PERDE I PASSI  E NON ACQUISTA NIENTE

CHI CORRE DIETRO ALL’ AQUILA CHE VOLA,

PERDE SOLO TEMPO E NON ACQUISTA NULLA

 

CHI VA COGLIO CIOPPO  SE  MPARA

A  CIOPPECA’

CHI VA CON LO ZOPPO IMPARA A ZOPPICARE  (  LO PORTA SULLA CATTIVA STRDA )

CHI VO’ FA’ L’ AMORE A SAN BESTIANO,

CI VO’  J’ALLORGIO E LA CATENA D’ORO

CHI VUOLE FAR L’AMORE A SAN  BESTIANO

DEVE ESSERE MOLTO RICCO

CHI VO’ VEDE’ LA GIOVENTU’ FIORITA,

A VALAFREDDA A SANTA MARGHERITA

CHI VUOL VEDERE LA GIOVENTU’ FIORITA ,

A VALLEFREDDA A S.MARGHERITA DEVE ANDA’

CI   L’AO  FATTO    RENZUCCA’

GLIELO  HANNO  FATTA  PAGARE   CARA

CI   STEVANO  A  FA’  NA   BELLA  SALECATA

LO STAVANO  PICCHIANDO   MOLTO  BENE

CI PO STA BENE LA CAMPANA A JO  PORCO ?

NON SI PUO’  FAR  INDOSSARE  UNA  COSA  FINE E  BELLA  A  UN  BUZZURRO.

CIAO  FATTO  REFA’   LA MOTINA

LO  HANNO  MANDATO   VIA

CIAO DATO  JO BANNE’LLA VITA

GUAI  A  TE  SE FARAI   QUELLA COSA

CIAO FATTO RENCOLLA’   JO FARDEGLIO

L’ HANNO RIMANDATO A CASA

CICCINELLA TENEVA NA VACCA  SOTTO JO CUIO CI TENEVA NA NTACCA,NTACCA NTACCARELLA  VIVA   LA VACCA  DE CICCINELLA

CICCINELLA TENEVA NA VACCA  SOTTO JO CUIO CI TENEVA  NA  NTACCA, NTACCA NTACCA  RELLA  VIVA   LA VACCA  DE CICCINELLA

CILLAO DITTO E REDITTO MA E’ DE  SASSO

GLIELO HANNO DETTO MA E’ MOLTO  DURO

CILLO SO DITTO CHE COSCI’ NO JEVA  BENE

GLIEL’O DETTO CHE COSI NON ANDAVA BENE

CINNE  SODDI’TTE  QUATTRO

GLIENE HO DETTE QUATTRO

CINNEDE’    NO  SACCO   E  NA  SPORTA

GLIENE  DIETE   PROPRIO   TANTE DI COSE

CO QUELE CARAMMELLE AO FATTO ALLA RAIA

QUELLE CARAMELLE SONO ANDATE A RUBA

CURIME    PO’   SA   SEGGIA

PORGIMI   UN PO’     QUESTA   SEDIA

DA ECCO A  LOCO, QUANTO  CI  MITTI ?

DA QUA’ A  LA’  QUANTO TEMPO  IMPIEGHI ?

DAMME  NA  IMMELLA  DE  FACIOI

DAMMI UN PUGNO DI FAGGIOLI

DIO  FA I MONTI  E  PO’  CI  FIOCCA,

FA I CRISTIANI   E   PO’ JACCOPPIA

DIO FA  I  MONTI  E  POI  CI  FIOCCA,

FA  LE  PERSONE  E POI  LE  ACCOPPIA

E’  ITO   A   FA   TERA   PEJI    CICI

E’  MORTO  POVERETTO

E’ DAZI’   CHE  NON  SE  VEDE  PIU’

E’ DA TANTO CHE NON SI VEDE PIU’

E’ ITO  A  FENISCE  TUTTO  A CICINISCO

E’ ANDATO TUTTO PERSO, A  FINIRE   MALE

E’ NO PEZZO  CH’ E’  SCITO JO SOLE

E’ MOLTO TEMPO CHE E’ USCITO  IL SOLE

E’ PIGJIATO  NA  CIPOLLA  E  SE  CASCATO

E’  INCIAMPATO ED  E’  CADUTO PER TERRA

E’ STATO COMME LA FRAGOLA NGANNA

AJ URZO

E’ COME SE UN’ ORSO  MANGIASSE UN  FRAGOLA, NON  PUO’  CERTO  SAZIARSI

ECCO   ONNA’    ADDU’    T ’ASCITE

QUI NON PUOI  SEDERTI DA NESSUNA PARTE

ECCO NON  SE VEDE  GNISCIUNO

QUI NON SI VEDE NESSUNO

ECCOTE NO MIO, SINTI COMM E’ BONO

ECCOTI UNA MELA SENTI COME E’ BUONA

ESSO  CHI  LAVO’  COTTA  E  CHI  LAVO’  CRUA,CHI MEZZA  COTTA E MEZZA  CRUA

CHI VUOLE UNA COSA ,CHI NE  VOLE UN’ ALTRA, NON C’E’ ACCORDO

FAMME  FA  NO  SURCHITTO  DE MARSALLA

FAMMI   FARE   UN  SORSETTO DI MARSALA

FATTE  FA’  LA POTI’TA  COMME  LE  CAJINE

CERCA  DI  STARE  ZITTO COME LE GALLINE

FATTE  JO’   PORCO CHE  PANUGNI

COMPRATI  IL MAIALE  (ANZICHE’ IL CANE )

GUARDA CHE ATIMOTA   AZZECCA  NCIMA

GUARDA CHE DOBBIAMO SALIRE SOPRA

GUARDA CHE ME STA HA  CIACA’  NO  PETE

GUARDA CHE MI HAI PESTANDO UN  PIEDE

I   NON   CI  SO   MISSO   PECCA

IO  NON   CI  HO  MESSO   BECCO

I ME RESPARAGNO MOJIMA A JO  LETTO  E   J ’ATRI SE LA GUDINO  PE LE  FRATTE

IO NON FACCIO L’ AMORE CON MIA MOGLIE A LETTO  PER RISPARMIARLA  E  GLI ALTRI INVECE ,SE  LA GODONO  FRA  I CESPUGLI …

INTRI  O  ISCI   DA   QUELA   PORTA ?

ENTRA O ESCI DA QUELLA PORTA ?

J’AO  PORTATO  IN  CACARIBBELLA

LO HANNO PORTATO  A SPASSO  SUL  TRONO

J’AO MISSO A CAVAJO A NO  PORCO

E’ STATO SVERGOGNATO PUBBLICAMENTE

J’AO RECAZATO BENE BENE

QUANTE GLIENE HANNO DETTE

J’ASENI SO BONI, PE JO MASTO E PE LA SELLA, MA SO PIU’ BONI PE LA MORTADELLA

GLI ASINI SONO ADATTI PER L’IMBASTO E PER LA SELLA,MA SONO PIU’ BUONI PER LA MORTADELLA

J’ASENO  STA A JORTO  E SEMPRE

A JORTO  STA

L’ ASINO STA DENTRO L’ ORTO E SEMPRE

DENTRO L’ ORTO   STA ( NON TI MUOVI )

JO  BOVE  CHE  DICE  CORNUTO  A  J’ASENO

IL BUE CHE DICE CORNUTO ALL’ASINO, MA COME E’ POSSIBILE ?

JO  FICI NIRO COMME  JO  CARBONE

LO FECI  NERO DI BOTTE COME IL CARBONE

JO  SI  FIONNATO   PETTE’RA

LO   HAI    BUTTATO  PER  TERRA

JO  SI VOLUTO E TE JO  TINI

L’HAI VOLUTO  TU  E TE LO TIENI

JO BOVE  GIRA  E TE REGGIRA FINCHE’ NON TROVA  JO   PARO

L’UOMO   GIRA  E RIGGIRA FINCHE’ NON TROVA UNO  SIMILE A  LUI,STESSO STILE

JO MBRIACO IAVO ITO A RESCORE ALLA CASA

L’UBRIACO L’ANNO RIACCOMPAGNATO A CASA

JO METECO  PIETUSO,  FA  LA PIAGA  NFETTA

IL MEDICO CHE  SI FA’  IMPIETOSIRE DAL MALATO,  FARA’  INFETTARE  LA  FERITA

JO VO’  J ’OVO  MASSERA  PE  CENA

LO VUOI   L’UOVO  QUESTA  SERA PER  CENA

L’ATA’  REFA’   DA  CAPO   A  PETE

DEVI RIFARE TUTTO D’ACCAPO

LA   PISCIATA  E  LA   CORNACCHIA

QUANDO  PIOVE UN  PO’  E  SMETTE  SUBITO

LA  CAMPANA   SONA  A   NCOCCHIO

LA CAMPANA  SUONA  A   TOCCHI

LA  IOCCA  STA   A   COVA’

LA CHIOCCIA STA COVANDO LE UOVA

LA  JATTA  PRESCIOLOSA, FA I FIJI  CIECHI

LE COSE FATTE IN FRETTA.VENGONO  MALE

LA  MERLA  PRIMAROLA, DE MARZO FA L’ OVA

LA MERLA PRIMAROLA A MARZO FA LE  UOVA

LA  NEVE  MARZOLINA  DURA  DALLA  SERA  ALLA  MATINA

LA  NEVE  DI  MARZO  DURA DALLA  SERA  ALLA  MATTINA

LA  SERA   LA MARINA , LA MONTAGNA  LA MATINA

PER VEDERE CHE TEMPO FARA’ , LA SERA SI GUARDA VERSO IL MARE, LA MATTINA VERSO LA MONTAGNA

LA CAJINA CHE VA DE TROTTO,

C’’ E’ NCAPPATO  JO  PERLEOTTO

SE UNO  FA LE COSE MOLTO IN FRETTA, MOLTO SPESSO COMMETTE DEGLI ERRORI

LA MAMMA FICI  LE CORATELLE  ALLA  FIJA

LA MAMMA FECE IL SOLLETICO ALLA FIGLIA

LA MERLA QUANNO FIOCCA SOTTO L’ EDERA SENNEVA’ , VA JO TURDO E LA NCIAFROCCA POVERA MERLA COMME FA’

QUANDO NEVICA, LA MERLA SE NE VA SOTTO L’EDERA, MA ARRIVA  IL TORDO CHE CERCA

D’ AGGREDIRLA, POVERA MERLA COME FARA’ ..

LA NEVE TONNARELLA  ASPETTA   LA SORELLA

QUANDO FA LA  NEVE ROTONDA,  PUOI STARE  CERTO,  NEVICA  ANCORA MOLTO

LA PIGNATA NTRONATA GIRA CENTANNI PE LA CASA,QUELA BONA, SE CASCA E SE ROMPE

LA PENTOLA SPACCATA,GIRA CENT’ANNI  PER LA CASA,QUELLA BUONA ,CASCA E SI ROMPE

LA SI FATTA NZECCONISCE TROPPO

L’HAI FATTA CUOCERE TROPPO ( CARNE )

LA’SSA FA’ DIO CH’ E’ SANTO VECCHIO

LASCIA FARE  DIO  CHE  SA’  QUELLO CHE FA’

LE CAJINE CECHE, LA SERA VAVO AJO RUSPO

CHI  NON HA VOGLIA DI LAVORARE, CERCA DI FARLO DI SERA,COSI’ NON VEDE  NIENTE.

LE FEMMENE  FACEVANO  LA   LESCIVA

LE DONNE   LAVAVANO   I   PANNI  CON  LA CENERE

LE FESTE NELLE SIMO APPICCATE

LE FESTE SONO BELLE CHE  TERMINATE

LO  UZZIDA  IETTA’  TUTTO  QUANTO

LO  DOVETTI   BUTTARE  TUTTO  QUANTO

LO MALE  TATA  RETENE’   SEMPRE   LO   TI  

IL  MALE  DEVI  TENERTI  SEMPRE  IL  TUO

LO SCIAPO  NON  SE  METECA

PER  I SCEMI NON C’E’ MEDICINA

LO SI FATTO PE LE SODE ,  PE  LE FIJATE   E  PE  QUELE  CHE  SAOTA  PARTORISCE

HAI PREPARATO TANTA DI QUELLA ROBA DA  MANGIARE,  CHE  BASTEREBBE PER  MOLTI…

LUNA  CALANTE  GOBBA  A  LEVANTE, LUNA  CRESCENTE  GOBBA  A  PONENTE

QUANDO LA LUNA E’ CALANTE LA CURVATURA E’ A  LEVANTE , QUANDO E’ CRESCENTE  LA CURVATURA  E’ A PONENTE

MA  CHE TE  SI  SCUSCITO ?

MA  CHE  HAI  SCORREGGIATO ?

MA  COMME TESSE VETE  ROCCO

MA  CHE CAVOLO  STAI  FACENDO

MA  QUANDO  JO  RAPPICCI   JO   FOCO ?

MA QUANDO LO ACCENDI  IL  FUOCO ?

MA  SE  PO’  SAPE’  CHE TE NGENNE ?

MI VUOI  DIRE  CHE COSA TI  FA MALE

MA  STATTE  ECCO  ADDU  VOI’   ?

MA  RIMANI  QUA’  DOVE VUOI  ANDARE ?

MA  TATEVATANO  ACCITE   PE  I'  BE’

DOVEVANO UCCIDERTI ( DI BOTTE ) COSI’ IMPARAVI

MA CHE SI REMASO   NFIRMO

DAI MUOVITI NON RESTARE IMPALATO  LI’

MA CHE STA SENZA SURICI JO  PAJARO

HA CASA MIA C’E’ SEMPRE QUALCOSA !!

MA CHE TE LA TACCA ?

MA QUANTA SETE HAI ?

MA COMME TE  SE  VETE  ROCCO

MA CHE CAVOLO  STAI   FACENDO

MA QUANDO   SE   CUCINO   SI   FACIOI

MA  QUANTO TEMPO IMPIEGHI PER FARE….

MA QUANDO  I  RETRUVI  I  SACCHI

MA QUANDO LO  FINISCI QUEL LAVORO

MA QUANDO  TE  RESURVI

MA QUANDO FINISCI

MA QUANDO LA RECACCI  LA CRAPA

  DA J ORTO ?

MA QUANTO TI CI VUOLE  PER   FINIRE  QUEL  LAVORO  ?

MA QUESSO  LO COMME’

CHE  CENTRA QUESTO  CHE  STAI  DICENDO

MA SU  STIMONE  NATRA   CRIA 

DAI RESTIAMO ANCORA  UN POCO

MA TU PROPRIO NO CONUSCI VERGOGNA  ?

MA TU PROPRIO NON CONOSCI VERGOGNA ?

MADONNA   QUANDO   SI   TRICATO

MAMMA  MIA  QUANTO TEMPO  HAI  IMPIEGATO

MADONNA  COMME STA MBOTTITO  OGGI

MAMMA MIA COME TI SEI COPERTO OGGI

MADONNA CHE C’E’ MANCATO A COLLE  QUIO

C’E’ MANCATO POCO CHE SUCCEDESSE  L’IRREPARABILE

MADONNA QUANDO CI MITTI , BE

RESURVITE   I  ?

MAMMA QUANDO TEMPO IMPIEGHI, VUOI   FAR  PRESTO  SI  O  NO  ?

MADONNA, CHE JOLECA CHE  TE  QUISSO !

MAMMA MIA QUANTO PARLA QUESTO !

MALEDETTA LA CENNERE DEJO FOCO,

ADDU NASCE NA FIJA FEMMENA

SIA MALEDETTA LA CENERE DEL FUOCO ,

DOVE NASCE UNA FIGLIA  FEMMINA

MAMMA  CHE CI STA DA MAGNA’ ?  CI STA NO DU ACCANTO A NO  TRE 

MAMMA CHE C E’ DA MANGIARE ? C’ E’ UN DUE VICINO  A UN TRE   ( CIOE’  NULLA  )

MAMMA  QUANTO  STAFFA’   LO  CACE  !

QUANTO STAI FACENDO MALE LE TUE COSE !

MAMMA  SE  CI  STIVI   !

COSA TI SEI PERSO A NON ESSERCI  !

MAMMA SE   NCANTI  CAPIJO !!!

MAMMA   SE   TI   AMMALI  !!!

MANNAGGIA SANTO NIENTE

MANNAGGIA A TE ,PORCA MISERIACCIA

MASSERA  FAMME  N OVO   LISSO

STASERA  FAMMI UN UOVO LESSO

MASSERA ME  SENT’  ACCI’SO

QUESTA SERA MI SENTO DISTRUTTO

MATONNA  CHE  STRIJERA  CHE  TE  QUIO

MAMMA  CHE   BRUTTI  DENTI  HA  QUELLO

MBE’   QUESSO  LO  COMME’ 

MA COME   MAI   STAI  FACENDO QUESTO !

ME RACCOMMANNO NON  CI  INE  LOCO

MI RACCOMANDO NON ANDARCI  LA

ME SO FATTO J’ASENO FINCHE’ CAMPO

MI SONO SPOSATA, QUINDI HO TROVATO IL SOMARO CHE LAVORERA’ SEMPRE PER ME

ME SO REMONNATO NO TINOCCHIO

MI SONO SBUCCIATO UN  GINOCCHIO

ME STONCO A  MORI  DE FRIDDO

STO A MORIRE DI FREDDO

ME STONCO A SECCA’,  I  MENNE  REVAJO

SENTO MOLTO  FREDDO , TORNO  A CASA

MELL’ERO   AMMAGGINATO

LO   AVEVO   IMMAGINATO

MELLA’  FADA’ NA  MOCCECATA  A  SA  MELA

ME LO FAI DARE UN MORSO  ALLA  MELA

MELLO   MESURI  ALLA  COPPA

NON MI VUOI TANTO BENE

MELLO DICI CHI TELL’ EDITTO  QUESSO ?

ME LO DICI CHI TI HA DETTO QUESTO ?

MELLO VO DICE O NO ADDU  ADIMOTA  I

ME LO VUOI DIRE DOVE DOBBIAMO ANDARE

MENGENNE   NGANNA  DA   MORI

MI  FA   MOLTO   MALE   LA   GOLA

MENNA’BBITA   REI’,  SE MISSI  A  PIOVE

DOVETTI  RITORNARE, SI MISE A PIOVERE

MENNE  STAREVENI’  PROPRIO A MANCO

SENTO  PROPRIO  LA MANCANZA

MENNE’  SO  FATTA  NA  PETTEREATA

HO MESSO LA ROBBA ANCHE  NELLA    MAGLIETTA,  OLTRE   LE  TASCHE

MENNESTONCO A REI’ QUESSO NON PO ESSE

STO TORNANDO A CASA QUESTO NON SI FA’

MESA’  CHE  ST ABBOTA’   I   SPAGHI

HO PAURA CHE  STAI  SENTENDO   FREDDO

MESO’   PISCIATO   SOTTO

MI  SON  FATTO  LA   PISCIA   ADDOSSO

MESSE’   NCARATO   APPETTANNANZI

MI HA SPINTO AVANTI  A   BRUTTO  MUSO

MESSE’ LOCRATA LA LENGUA A FORZA DE DICCILLO

HO CONSUMATO LA LINGUA  A RIPETERTI SEMPRE LE  STESSE  COSE

MESSE’ REMPAPPATA LA MANI COLLA PIZZA

CHE CI  SO  DATO

LA PIZZA CHE GLI HO DATO SULLA FACCIA, MI  HA GRATIFICATO  LA MANO

METTE   VOJO   APPICCA’   A N’ARECCHIA

NON  VOGLIO  PORTARTI  APPESO  COME   UN’  ORECCHINO ,  NON TI VOGLIO

METTE  RACCOMANNO, VACCILLO A REDICE

MI RACCOMANDO ,VAI A RIDIRGLIELO

MO  VA  ARETROVA’  L’AGO  A JO  PAJA’RO

ADESSO  PROVA A CERCARE UN AGO DENTRO UN PAGLIAIO

MO T’ALLONGO  NA PIZZA

ADESSO TI DO’ UNO SCHIAFFO

MO TEJO  CORO  I  STO  MATONE

ADESSO TE LO PORGOIO QUESTO MATTONE

MOJI’MA  VA  PE  LENA , VA  LA MATINA  E REVE’  LA SERA

MIA MOGLIE VA A FARE LA LEGNA PERO’ CI METTE COSI  TANTO , CHE  TORNA  LA SERA

MUITTO    INDOMMINE  

MULETTO   NON   DOMATO

MURITTE  CINCIO

A TEMPO PERSO …

MUVITE   I ,  CHE   VO   REMANI’    NFROCIATO  ESSO PER SEMPRE  ?

MUOVITI UN PO’  CHE VUOI RESTARE FERMO  LI  PER  SEMPRE  ?

NA CASA BELLA  REZELATA

UNA CASA BEN ORDINATA

NCIMA  ALLO  COTTO , L’ACQUA   BOLLITA

SOPRA UNA SCOTTATURA NON PUOI METTERCI L’ACQUA BOLLENTE MA QUELLA FREDDA

NE  SIMO  MISSI  A  PETI  PARI

CI  SIAMO  SEDUTI  A TAVOLA

NE RENZERENNO DENTRO

CI RINCHIUSERO DENTRO

NE STIMO  A  NTORTORA’  BENE  BENE

CI  SIAMO ABBUFFANDO   BENE   BENE

NE STIMO A FA’ NA STOCCIA

STIAMO FACENDO MERENDA

NEA  NEA  PO  QUAND’ E’   DA  RIDE  ?

MA GUARDA UN PO’ CHE STA  SUCCEDENDO

NEBBIA ARDA, DIO CINNE GUARDA, NEBBIA BASSA, BON TEMPO LASSA

NEBBIA ALTA  DIO CI GURDI, NEBBIA BASSA BUON TEMPO LASCIA

NENNE  SI’MO   FUITI  SUBBITO

CE  NE   SIAMO   SCAPPATI  PRESTO

NO  FURCO  E  ROBBA QUANT’E’  TERIBBILE

UNO PICCOLO COSI’  E’ PROPRIO TERIBBILE

NON   SO   PE   JASENI   I   CONFETTI

NON SI POSSONO DARE LE COSE  BUONE  A UNA PERSONA CHE NON LE SA APPREZZARE

NON  ATAI’  PROPRIO  NOVE’LLE

NON DEVI ANDARE DA NESSUNA PARTE

NON  CI    SI  ACCACCIATO

HAI TIRATO , MA NON CI SEI ARRIVATO

NON  CI   ADISSIDA   I     LOCO   A  BALLE

NON   ANDARE   LA  GIU’ MI RACCOMANDO

NON  CI   CULLI    MAI

NON LO COLPISCI   MAI

NON  CI  ETE  SCHIORCENNO

NON   VI   FATE  PREGARE

NON  FA TANTE  LE  PUZZARIE

NON  FARE  TROPPE  FANATICHERIE

NON  MEJO  MENTOVA’

NON ME LO NOMINARE TI PREGO

NON  NELLO  PROPRIO RECORDOMO

NON CE LO RICORDIAMO  PROPRIO

NON  SA NE DEMI’    E  NE   DETI ‘

NON SA DI NIENTE,  E POCO BUONA

NON  SO  ITO  PROPRIO   NOVELLE

NON SONO ANDATO  DA  NESSUNA  PARTE

NON  SPUTA’   PELL’ ARIA CHE  TE  RECASCA   MOCCA

NON   FARTI  MERAVIGLIA DELLE COSE , CHE  POI   ACCADONO  PURE  A  TE

NON  TE  I  REPERTECHENNO

NON  TIRARLA  TROPPO PER LE  LUNGHE

NON C’E’ REMASA  MANCO  LA  IATTA

NON E’ RIMASTO NESSUNO

NON CI CAGLINI  PIU’

NON CI VEDI  PIU’

NON FA TANTO  JO  SPOLEPATO

NON FARE TANTO  IL FANATICO

NON ME PREME  NIENTE

NON MI IMPOTRA NULLA

NON ME ST’AREVENI’  ALLA  MENTE

NON  LO  STO   A   RICORDARE

NON TE METTE MAI IN CAMMINO, SE LA VOCCA NON TE  PUZZA  DE  VINO

NON METTERTI MAI  IN  CAMMINO, PRIMA DI AVER  FATTO UNA BUONA  COLAZIONE

NON TRUVI NO CANE CHE TE PISCIA A  NA COSSA

NON TROVI UNA PERSONA CHE TI FACCIA UN FAVORE

NONNITO  E’  ITO A METE   LO   RANE

TUO NONNO E’ ANDATO A MIETERE IL GRANO

NU  CILLO  SIMO  DITTO TUTTI  QUANTI

NOI GLIELO ABBIAMO DETTO TUTTI

NUVOLE  A  PAPARELLE,ACQUA A  CATINELLE

NUVOLE A  PAPERELLE ACQUA  A  CATINELLE

OGGI MESA’ PROPRIO CHE NON SE  REMBATTA

OGGI NON  SI RIESCE  PROPRIO A  FINIRE

OGGI NON MENNE PROPRIO TE’

OGGI NON CIO’ PROPRIO VOGLIA

ON   TELLA  POTARISTI  SCIALA’

NON  CI  PENSARE   NEMMENO

ON TE  I  REPERTECHENNO

CERCA DI SBRIGARTI A FARE QUELLA COSA

ON TE JI  FA’   I  CAZUNI  SA !

NON TE  LI  FARE    GLI  AFFARI  TUOI  !

PA’RA   FREGNO’

STAI  ATTENTO  STUPIDO

PARE CHE  STARECHIUTE  NO  PRATE

CI  STAI  METTENDO  UN SACCO DI TEMPO

PARLI  COMME SE TE STESSE  A  MANCA’  LA TERA  SOTTO  I  PETI

UNO CHE PIANGE CONTINUAMENTE MISERIA,

COME SE NON AVESSE  NULLA DA MANGIARE

PAZZACCHIO’ ,  SE  PO’  REMPI’  JO  CANISTRO

 

QUANTO SEI STUPIDO ,COME PUOI CREDERE CHE SI POSSA RIEMPIRE UN CANESTRO,   CON ACQUA

PINSI SOLO AJO  MAZZO

PENSI SOLO A MANGIARE

POSSIBILE CHE NON MESI’ CAPITO

POSSIBILE CHE NON MI HAI CAPITO

PURE I PUCI TEVO LA TOSCE

PARLA PURE CHI NON SA QUELLO CHE DICE

QUANDO   CINNESTETE   A   REI ?

QUANDO   RIPARTITE ?

QUANDO  CAMICIOLA  METTE  JO  CAPPEJO, VINNITE LE CRAPE  E  FATTE   JO  MANTEJO

QUANDO SULLA CIMA DI CAMICIOLA  C’E’ LA  NEVE, VENDI LE CAPRE E COMPRATI  UN BUON  MANTELLO

QUANDO  I   RETRUVI   I  SACCHI

QUANDO FINISCI  DI  FARE  QUEL  LAVORO

QUANDO FICORA FIORISCE ,QUANDO MUIA PARTORISCE,QUANDO PASQUA VE DE MAGGIO

CIOE’  MAI, QUESTE TRE COSE NON SI VERIFICHERANNO MAI

QUANDO LAMPA SELLA SCAMPA,MA SE  TONA CILLA SONA

QUANDO IL CIELO E’ ILLUMINATO DAI LAMPI NON PIOVE,SE INVECE TUONA PIOVE

QUANDO NE REVETIMO

QUANDO CI RIVEDIAMO

QUANDO RANNUVOLA NCIMA ALLA BRINA, ACQUA O NEVE NCIMA ALLA SCHINA

QUANDO IL CIELO DIVENTA NUVOLOSO SOPRA UNA BRINATA , O PIOVE O FIOCCA

QUANDO SI FENITO  E’ SCITO  JO  SOLE

SEI  MOLTO  LUNGO A FARE  LE  TUE   COSE

QUANDO TE PREME LA SPINA LO FA SUBBITO

UNA COSA CHE T’ INTERESSA LA FAI PRESTO

QUANTE   PECCHERE   TE  SI   FATTO

QUANTI BICCHIERI DI VINO HAI BEVUTO

QUANTE VOTE CILLATATICE CHE ECCO NON CICCI  VOJO

QUANTE VOLTE VE LO DEBBO DIRE CHE QUI NON VI CI VOGLIO

QUANTO  FA   IATTI   NCANGANI

QUANTO FA  ATTI  SGARBATI, MALEDUCATI

QUANTO NON TE POZZO SCERNE

QUANDO NON POSSO VEDERTI

QUANTO SI FATTO ATTRAVERSO

TIGNOSO, CHE VUOI  SEMPRE  RAGIONE  TU

QUELA  PARE  COMME  MARIA  APPETE  ALLA  CROCE

E’ RIDOTTA PROPRIO MALE  POVERINA , COME  LA MADONNA AI  PIEDI  DELLA  CROCE

QUELO CHE  NON VOLEVO,    A   J ORTO ME NATO

QUELLO CHE  PROPRIO NON  DESIDERAVO, MI E’ CAPITATO

QUII  STEVANO   A  DICE

QUELLI  STAVANO DICENDO

QUIO   SE’   PANUNTO

QUELLO  SE   L’E’   SVIGNATA

QUIO STA   SEMPRE  SCALEMATO

QUELLO STA SEMPRE SENZA UN SOLDO

QUIO VAJONE  REFICI FACCIA A JO   PATRE

QUEL RAGAZZO SI  RIBBELLO’  AL  PADRE

QUIO VARZITTO SEJO MISSI NZINO ESSA

QUEL BAMBINO SELO MISE SULLE GINOCCHIA

QUISSI TE FAO  PROPITA  CASCA’  LE RACCIA

QUESTI TI FANNO PROPRIO DIVENIRE PAZZO

QUISSO  DA  DU   E’ SCITO

QUESTO DA DOVE E’ SCAPPATO FUORI

QUISSO E’ UNO CHE SA REMETTE    PURE     J OCCHI   AJI  PUCI  

COSTUI  E’  UNA PERSONE CHE SA  FARE PROPRIO  TUTTO

QUISSO SE MAGNARIA PURE LA REMONNA  E J’ ASENO

COSTUI MANGEREBBE PURE LA PLACENTA DEL SOMARO

QUISTO SOLE  OGGI TE TA’  PROPITA NCA’PO

QUESTO SOLE OGGI TI DA PROPRIO INTESTA

REMANI   NFI’RMO

RIMANI    FERMO  SENZA  MUOVERTI

REPASSE’  A   COVA   RITTA

PASSO’ SENZA SALUTARE  NESSUNO

RESTIMO  DA  CAPO  A DUDICI

E’ COME SE NON AVESSIMO FATTO NULLA

REVENEMMO A PETE

RITORNAMMO A PIEDI

REVOTA  LA  PIZZA  CH E’  COTTA

RIGGIRA  LA  PIZZA CHE E’ COTTA,CAMBIARE  TUTTO IL  DISCORSO

S’E MISSO TUTTO IN CHICCHERI E PIATTINI

SI E’ TUTTO VESTITO A FESTA

SACCIO  NO  NIVO  DE  RIVITE’JO

CO DU OVA E N’AZZACCAREJO

SO UN NIDO   DI  SCRICCIOLO  CON DUE UOVA  E  UN BASTONE  ….

SANTANTO’ LA CAPE’ZZA, CHE J ’ ASENO SE RACCAPEZZA

LO SI DICEVA A UNO  QUANDO  INCIAMPAVA E STAVA PER CADERE PER TERRA.

SANT’ ANTONIO COLLA  BARBA BIANCA SE NON  PIOVE  LA  NEVE NON MANCA

A  S. ANTONIO   SE NON PIOVE ,VUOL DIRE  CHE  NEVICA

SE  ADA’  ETTA’  I  SORDI,  COMPRATECCI’   I  CONFETTI   ALMENO  TEJI ’   SUGHI

SE DEVI BUTTARE I SOLDI, ALLORA

COMPRATI I CONFETTI  ALMENO LI SUCCHI

SE COMME  TAO  METECATO  BENE  BENE

GUARDA COME  TI  HANNO  TRUFFATO  BENE 

SE LAMATA  TUTTA   LA  SPALLETTA

E’ FRANATA  TUTTA   LA   SPALLETTA

SE LO RACCUNTI   NON   CI   CRIDINO

SE LO RACCONTI NON CI CREDONO

SE PIOVE  DELLE  CRUCI, NASCE JO VERMENE  ALLE  NUCI

SE  PIOVE  LA  SETTIMANA  SANTA  NASCONO  LE  NOCI   CON I VERMI

SE PIOVE DE SANTA BIBBIANA PIOVE 40 DI’  E NA SETTIMANA

SE PIOVE IL GIORNO DI S.BIBBIANA,PIOVE 40 GIORNI E UNA SETTIMANA

SE SE MOVE  QUISSO ,FA RESCINCIA’  IO TEMPO

QUANDO SI MUOVE  QUESTO, COME MINIMO FA  PIOVERE  MOLTO

SE SEGUITA A TIRA’ STO VENT0 E TIRA,

COMME POZZO SPERA’ BONA FORTUNA !

SE QUESTA SFORTUNA MI  PERSEQUITA,

COME POSSO BEN SPERARE !

SE VE’ ALLA SS. TRINITA’, ATA’  PORTA’  LA VECCHIA   A   CACA’

VENIVA DETTO AI BAMBINI LA PRIMA VOLTA CHE ANDAVANO AL  SANTUARIO DELLA  SS. TRINITA’, PER NON FARCELI ANDARE.

SENNE’  REE’ COLLA  COVA  FRA   LE ZAMPE

ANDETTE  VIA  ZITTO  ZITTO

SENNE’  REITO   SCURIAZZUNI

E’ ANDATO VIA CON LA CODA TRA LE GAMBE

SENNE’ ITA  A  SPARA’   ALLE   QUAJE

HAI  PERSO  UN’ OTTIMA  OCCASIONE …

SENNE’ REENNO CARECHI E PEZZI E PANUNTO

RIPARTIRONO,PORTANDOSI DIETRO OGNI SORTA DI VIVERI

SETE  REVENUTI  RITTI  RITTI

NON  AVETE  TROVATO NIENTE

SI   FATTO   NO   PASTECAGNO

HAI FATTO UN MISCUGLIO  INCREDIBILE

SI   FATTO   SO   PANGRATTATO

TI  SEI  FIDANZATO, HAI FATTO UN AFFARE

SI   FATTO  A  POLISCE

TI  SEI  PRESO  TUTTO  QUANTO

SI   FATTO  RAVANZA’   I  PEZZI

HAI   FATTO  AVANZARE  ALCUNI   PEZZI

SI  ETTATO  JO  BANNO

LO HAI DETTO A TUTTI

SI  FATTO  JO  CUNTO  A TRE CASTAGNE  A RICCIO, INVECE  CIAO  SCITE  PURE  LE CUCCHIARELLE

HAI FATTO  MALE I TUOI CONTI, NEL RICCIO NON C’ERANO SEMPRE TRE  CASTAGNE, MA ANCHE LE CUCCHIARELLE

SI  FATTO  LO  FERDINANDONE

HAI  SCIALACQUATO   TUTTO

SI  FATTO  LO  NGIAUJATO  E  JO  PORCO

HAI FATTO UN MISCUGLIO  TERRIBILE

SI COMME PIPPETTO

UNO CHE STA SEMPRE IN MEZZO  A TUTTO

SI FATTO FATTO  CHE TE CI  SI  SONATO  

HAI FATTO DI TUTTO PER  CADERE PERTERRA

SI ITO APPICCA’ JO CAPPEGLIO

HAI SPOSATO UNA DONNA MOLTO RICCA

SI PROPITA  NA  VECCHIA  CACCAPUZZA

SEI  PROPRIO UNA VECCHIA RIMBAMBITA

SI PROPRIO NA LESTRA

NON VALI   NIENTE

SI PROPRIO NO MBIASTRO

SEI PROPRIO UN BAMBINO

SI REMASO A PIRO  PIRUZZO

NON HAI  PIU’ SOLDI, NON HAI  PIU’ NIENTE

SI REMASO TINCO

SEI RIMASTO SPOGLIO    DI TUTTO

SI RIDOTTO A NO PRATE FARGIATO

SEI  RIDOTTO  PROPRIO  MALE, PULITO

SI ROSSO  E  PACCUTO

SEI GRANDE  MA  NON VALI  NIENTE

SI UNO FREGNA

SEI UNO CON LE PALLE

SIMO   REMESSA   LA   MEZZA

ABBIAMO  FATTO   LA   PASSATELLA

SO  TUTTE  E  TRE  ALLA  MESSA  ROSSA

LA CAMPANA HA SUONATO  PER TRE VOLTE

SO FENITE LE ITE E LE VENUTE,LE MESSE A S. GREGORIO SO FENITE

SI DICEVA ALLA FINE DELLE VACANZE;SONO FINITE LE PASSEGGIATE SU E GIU’ NEL PAESE

SO PEZZO DE CAPEZZA  MESARIA   SERVUTO

QUEL PEZZO DI CORDA MI SAREBBE SERVITO

SOCCIO  SI   REMA’SO   SOJO

AMICO  SEI  RIMASTO  SOLO

SOCI ‘  NO  RESURVI  PROPRIO  NIENTE

COSI   NON  RISOLVI  PROPRIO  NULLA

SOTTO QUELA COPERTA ME  SO  PROPRIO RENFIATATO

SOTTO  QUELLA COPERTA  SONO  STATO  PROPRIO  BENE  AL  CALDUCCIO

STA  COJO   PETE  ALLA    FOSSA

SEI  VECCHIO , STAI  QUASI   PER   MORIRE

STA MPELAGATO   DA   PETUTTO

STAI  SEMPRE  IN MEZZO A TUTTO

STATTE A  CA’STITA NON CI I  GIRENNO

RIMANI A CASA TUA NON ANDARE IN GIRO

STE’ NATRA CRIA PO PERO’ CI UZZITA I ISSO

ASPETTO’ UN PO’ POI DOVETTE ANDARCI  LUI

STRU’PPIO  ADDU’   STAI’

AMICO  DOVE STAI  ANDANDO !

SU   FATTE   ANEMO   RESOLUTO

DAI  SU FATTI  CORAGGIO

SUI’  CAMINA ON  TE STA SEMPRE A FERMA ?

DAI  CAMMINA,  NON  FERMARTI SEMPRE  ?

T’ ACCUZZA  J ’ APPETITO

TI  FA VENIRE  FAME

T’ E’ ARIVATA ALLE   CALECAGNA

TI E’ VENUTA MOLTA FAME

T’AO   FATTO   RATTENTA’   I   FIANCHI

TI  HANNO  PICCHIATO   DI   BRUTTO

TANTO CACA NA MERLA ,TANTO CENTO CELLITTI

TANTO LAVORO FA  UNO  IN GAMBA ,TANTO NE FANNO CENTO CHE VALGONO  POCO

TAO    FATTO   NA   BELLA  SAGNA

TI HANNO  FATTO UNA BELLA MULTA

TAO   ATTURATO   NA   LINTERNA

TI  HANNO ACCECATO  AD   UN  OCCHIO

TAO   SQUAJATO   LE   MAZZA

TI HANNO MESSO MOLTA PAURA

TAO  POLITO  BENE  BENE

TI HANNO  TOLTO TUTTO

TAO FATTO ALLONCA’ JO COJO

HAI DOVUTO ASPETTARE MOLTO

TATA’ REMOCCECA’ A JO UTO E JO RACCIO

DEVI MORDERTI  IL GOMITO DEL  BRACCIO

TE   CI   SI    FATTO   VECCHIO

CI  SEI  STATO  PER   MOLTO  TEMPO

TE  LE  CANNELE  A JO  NASO

SEI  UN  MOCCIOSO

TE  SE  STAO  A  RENFRASCA’   I  GIORNI

NON SAI NEMMENO CHE GIORNO E’ OGGI

TE  SE’ REVEJATA  LA VERMENARA

HAI   AVUTO  MOLTA  PAURA

TE  SEMPRE   I   SASSI  NSACCOCCIA

SEI  SEMPRE   INCAVOLATO

TE  SI  SPURATO  A  DAMME   QUESSO

NON  E’  CHE  TU MI ABBIA POI DATO MOLTO

TE LA SI  FATTA  LA MOTINA ?

HAI PREPARATO  LA COLAZIONE ?

TE PUZZI APPICCIA’ VIVO

MAMMA  MIA  QUANTO   MANGI

TE SE  FATTA NA MELA  ALLE  CAZETTE

TI SI  E’ FATTO UN  BUCO  AI  CALZINI

TE SI FATTA NA BRAVA LESCA ALLA  MANI

TI SEI FATTO UN BEL TAGLIO ALLA  MANO

TE SI NTORTORATO BENE BENE

HAI MANGIATO MOLTO BENE

TE SI SPRESCIATO A DAMME  QUESSO

HAI FATTO UNO SFORZOA DARMI POCO COSI

TE SO DITTO DE FATTELLO  FA  SIVE

TI HO  DETTO  DI  NON   IMPICCIARTI

TE VEDO MUSCIO MUSCIO CHE SI FATTO

STAI  ZITTO ZITTO CHE HAI FATTO

TENCO  NA  SESA  ACCOTA

NON TI VOGLIO, VATTENE   VIA

TENCO  NO    RULLO 

HO  UNA  FAME…

TENEVA  N’ASENO  CHE  TIREVA CAOCI 

AVEVA UN SOMARO CHE  TIRAVA   CALCI

TENEVA J OCCHI REURLATI

AVEVA GLI OCCHI FUORI DALL’ORBITA

TENEVA SOLO QUELA MUIA  E CISS’ AMMALE’

AVEVA SOLO QUELLA MULA EGLI SI AMMALO’

TESSAVO  REVOTATO  BENE   BENE

TI   HANNO   INGANNATO   BENE  BENE

TESSE  GELANO  I  PETI

TI   SI   GHIACCIANO  I  PIEDI

TIRATE  ARETE FAMME  VEDE’  PURE  A  MI

TIRATI   INDIETRO VOGLIO VEDERE PURE IO

TRAMONTANA DI BUON CUORE DURA 3-6-9, MA SE E’ DELLE PERFETTE DURA  9-18-27

TRAMONTANA DI BUON CUORE DURA 3-6-9, MA SE E’ QUELLA PERFETTA  DURA 9-18-27

TU NON PO PIJA’ DEPETTO LA GENTE COSCI

TU NON PUOI AGGREDIRE LA GENTE COSI’’

TU SI SANTO CHE NON FA’ MIRACOLI

SEI UNO CHE NON FARA’ MAI  UN FAVORE  A NESSUNO

TU SI TROVATO CRISTO A METE  E  S.PIETRO A RACCOLLE

TU SEI STATO SEMPRE UNO MOLTO FORTUNATO

TUSCI NTO’, VIDI CHE BELLA PASEMA CHE TE

TOSSISCI ANTONIO VEDI CHE TOSSE  HAI

TUTTA LA DOTE ME A NA STANCA PENNE

TUTTO QUELLO CHE HO E’ APPESO A UN ASTA

TUTTO  SE METECA , MA  LO  SCIAPO  NO

PER TUTTO C’E’ RIMEDIO MENO CHE PER LA STUPIDITA’

UZZIDA  FA’  NATRA  COSA

HO DOVUTO FARE UN’ALTRA COSA

VACCI INSEMMIA TU,NON CI JO’  MANNA’

SOIO

VA INSIEME A LUI, NON LO MANDARE SOLO

VAJO  A  RESCORE   ALLA    CASA

VALLO  A  RIACCOMPAGNARE  A  CASA

VAJO’  FILA  A  DERITTO  CHE  C’’ INCAPPI

RAGAZZO CERCA DI FILARE DRITTO …

VAJO’  MA  QUANTO  ABBUJI

RAGAZZO MA QUANTO SEI NOIOSO

VAJU’  VOLIMO  FA  NO  POCO  A  RAZZI ?

RAGAZZI VOGLIAMO GIOCARE UN PO INSIEME

VAJU’ MECCIFACETE RACCOMPAGNA’ PURE AMI

PURE IO VORREI DIVENTARE  AMICO VOSTRO

VE  APPRESSO  A  MI  CHE  NON TE   PIRDI

VIENI DIETRO  A  ME  CHE  NON  TI  PERDI

VIDDI CACA’ ZIA  E MENNE VINNI FANTASIA

UNO CHE DESIDERA TUTTO CIO’ CHE VEDE

ZITITA  E’  ITA A  SPANNE   I   PANNI

TUA ZIA  E’ ANDATA  A  STENDERE  I  PANNI


Si ringraziano i sigg. Loreto Romani, Mario Cosciotti e Fausto D'Ascenzo, ideatori e autori di questa raccolta di frasi cappadociane.

A proposito di questa raccolta relativa alle “Frasi Cappadociane” trascrivo quanto inviatomi da Margherita Addari, che suggerisce due frasi “tipiche”, corredate con tanto di dettagliata descrizione del significato e dell’origine:

Ciao Alessandro. Nel segnalarti due frasi cappadociane volevo anche raccontarti la storia che le accompagna.
La prima é: "
Te conoscio da quand'iri piro". C'era un contadino che possedeva un pero. Nonostante le cure prestate all'albero questo si ostinava a non voler fare alcun frutto. Il parroco del paese cercava un buon legno per fare un crocifisso e si rivolse anche al contadino che, vista l'inutilità del suo pero, decise di tagliarlo e permettere così al parroco di prendere il legno. Questo contadino da allora era solito pregare davanti a quel crocifisso. Per giorni e giorni invocò una grazia che però non arrivava. Preso dallo sconforto inveì contro il crocifisso dicendogli appunto la frase in questione e cioè: "Ti conosco da quand'eri un pero, se non hai mai fatto neanche un frutto, come puoi darmi ora quello che ti chiedo?" Potremmo quindi riassumere il significato della frase in: persona inaffidabile.
L'altra frase è: "
Jo bejo non ci passa alla Coarda" letteralmente sarebbe "Il bello non passa per la Coarda". La "Coarda" era una strada che, al tempo dei nostri nonni, si percorreva per andare a lavorare nei campi, o a custodire le bestie. Questa strada da Vallefredda conduceva verso il fiume. Era un detto delle persone anziane, più sagge, che vedendo una ragazza che si lasciava incantare dalla sola bellezza esteriore di un ragazzo, cercavano di farla ragionare dicendogli che non sarebbe stata la bellezza quella che li avrebbe sfamati una volta sposati, ma bisognava piuttosto cercare un uomo che fosse un buon lavoratore (che quindi passava per la Coarda). Riassumendo potremmo tradurre con: non lasciarsi incantare dalla sola bellezza esteriore.


               Cappadocia: tradizioni e natura